Formazione e dieta per un pugile

La boxe richiede forze esplosive ripetutamente per un lungo periodo di tempo. Questo rende la formazione e la dieta richiedono un pugile abbastanza rigoroso se vuole eseguire bene contro un avversario. Mentre qualsiasi programma di dieta e formazione deve essere adeguato specificamente alle esigenze fisiologiche del pugile specifico, ci sono linee guida generali che possono fungere da punto di partenza per un efficace programma di allenamento.

Il programma di allenamento di forza di un pugile deve costruire sia la resistenza di forza che il potere esplosivo. In “L’ultima guida alla formazione di peso per il pugilato” Robert G. Price promuove cicli di addestramento di quattro settimane in cui la prima e la terza settimana fanno la resistenza e la seconda e la quarta settimana si concentrano sul potere esplosivo. Durante le fasi di resistenza fisica, gli esercizi di un pugile devono avere peso pesante con solo una o otto ripetizioni per set. Durante le settimane di potenza, il peso è diminuito e vengono eseguite da otto a 15 ripetizioni rapide per set per migliorare il tempo di contrazione delle fibre muscolari veloci.

Boxing richiede il giusto mix di agilità, potenza e velocità nell’anello. Secondo l’ex campione del mondo dei pesi massimi Floyd Patterson, i migliori strumenti per un pugile di allenare le sue esigenze specifiche per lo sport sono il sacco di punzonatura, le corde di salto e un buon partner di sparring. La punzonatura di un sacchetto di velocità migliora la rapidità e la destrezza della mano, mentre una borsa pesante può essere utilizzata per lavorare su combinazioni di potenza e pedalare. Anche se è impegnativo per alcuni pugili, Patterson consiglia di lavorare pesantemente sulle sessioni di corda saltata che sono da sei a nove minuti, in quanto migliorano il piede del piede e la resistenza. Mentre un campo di allenamento si avvicina a una lotta, il pugile deve allenarsi con un partner sparring per lavorare al suo piano d’attacco e difesa contro un avversario imminente.

Secondo gli autori di “Combat Sports Medicine”, un pugile dovrebbe mangiare circa 70-75 calorie al chilogrammo di peso corporeo ogni giorno durante l’allenamento. Queste calorie dovrebbero essere divise in 60 per cento al 65 per cento di carboidrati, 25 per cento al 30 per cento grassi e 15 per cento al 20 per cento proteine. Una riduzione delle calorie può essere necessaria se il pugile sta tentando di abbassare il peso. Dovrebbe rimanere sempre idratato bevendo 15 ml a 30 ml di acqua per ogni chilogrammo di peso corporeo.

Un pugile ha bisogno di mantenere la sua prestazione alta durante una lotta, e ha bisogno di un buon pasto pre-combattimento per alimentare il suo corpo. Le specifiche del pasto sono la scelta del pugile, ma deve essere mangiato entro due o tre ore prima della lotta. Alimenti a basso contenuto glicemico come cereali integrali e cereali sono una buona scelta. Evitare cibi che possono rendere il pugile gassoso o che non ha mai mangiato prima.

Formazione di forza

Formazione delle competenze

Nutrizione

Pre-Combattere il pasto